Le quartine di  Tiburio Epigramma

Da che parte t'argire t'artrovi sempre 'nco 'l cul per tèrra!


'L SINDECO È DOVENTÈTO BLU COME LE STRISCE!

Ta 'l Sindeco jòn' ditto: "Cocco bèllo,
si l'anno pròssimo nun vòle gì al macello,
è bèn che d'è 'n'occhièta ta quille Blù,
ce pènze bène e de strisce ne fè più"

'L frego, per verità c' ha 'n pò penzèto
e pol' capì' , sé anco 'n pò' 'ncazzèto.
Tutto de bòtto da la sèdia è sobbalzèto,
arpreso fièto e t'a tutti ha dichiarèto:

"'Nun c' azzechète 'na mazza amici cari
si me paragonète t'a Locchi e t'a Boccali!
'N'a bòna differènza e se vede da lontèno;
tuquì sen tutti sveje e 'nco 'l cervèllo 'n mèno!

Nun sete arivèti a capì tanto la ficenna.
È 'na quistione de conti che fa l'azienda.
Ce sòn' più posti ndua tu è da pachè?

È chier' che 'l prezzo 'l pòle 'n po' abbassè!!"


TROVENO SÈMPRE 'L MÒDO DE LITIGHÈ! 


Semo o nun semo tutti de 'st'idea

tulì a Collestrada aprono 'nantr'Ikea. 

Dicono i DEM per nun falla eccezionèle 

che nun ce l'hònno 'nco la multinazionèle. 


Ce l'hònno con chi, l'ha pòco ragionèta 

a falla nto 'na zòna 'ch'è congestionèta. 

Per tisto hòn chiesto, n' bòn pò vicino, 

'n Consijo grosso per chiamè 'l cittadino. 


"Mò che 'l progètto è fatto e bell'e pronto" 

dicono "nun polen fa passè l' perugin' da tonto!" 

Però, i' che la stòria la sò 'n po' più de fino, 

pènzo che dovia èssece sotto 'n gran casino! 


Ce dovria entrè 'n ticchino 'n'antro fatto; 

'l capannone l'evon da fè 'nto 'n'antro tratto. 

I' nun me sbàjo, anco si sé saputo 'n po' pochino 

i DEM 'l volenon fè ta 'na tèrra a San Martino! 


Però, gira che t'argira senza 'nce poleno stè! 

Per tutt'i vèrzi troveno 'l mòdo de litighè!


'NUNN'ÈNNO SOLO I SOLDI A 'NTERESSAMME!

Tutti j'anni semo sèmpre 'n linea
e gimo a fè le pulci a j'Assessore.
Volen' sape se 'adèsso come prima
hon' guadagnèto più o sòn gi' ffòre!

Diceno tutti 'n coro e 'n ce n'è uno
che 'nn'è curioso e dur' come 'na roccia:
"De quilli che comannono 'n Comuno
volen sapé i quadrini ch'a 'n sacòccia".

'N dico no e potria anche èsse de gusto
de sape 'n tasca i soldi de 'sta gènte,
ma saria soddisfatto e provèria più giusto

de sapé la politica 'n Comuno più decente!


'N'ANTRO CONSIJO GROSSO?


Ho lètto 'ntol giornèle l'altro jere
che 'l Sindeco 'ncon tutti j'Assessori
sònno scappiti da palazzo de' Priori
per gì 'ntra la gènte come Òmi veri.

Hòn' ditto: -Cen' da fè 'n Consijo grosso
e tutti quanti sen' nuti 'n mèzzo a voi
per discute 'na ficènna che prim'o poi
o bène o mèle, avren' sicuro smosso.

Volen fè 'n modo che ta Piazza Italia
c' hòn' da arivè più machine possibile
cussì ce lèvèn de dòsso quel'infamia
che sen' noaltre a fè 'l centro 'nacessibile-

Posson' girè più volte la frittèta
ma la storia è chièr' che n'è cambièta;
sopra la tèsta, 'ntà i poveri cojoni,
ce stònno sempre i pieda de i fuboni!


NCO LA TARI? A MÒ SEN TUTTI PARI!

Gente scusète si non v'ho evvisèto
da chèsa 'n ticchino me so allontanèto.
Eva 'mportante quil' c'hevo da gi a fè:
so gito 'nto 'n'uffico 'na tassa per paghè!

M'hon ditto nto l'orecchio co 'n tono sottovoce
- I conti nunn'arvèngono e c'è chi te lo scòpre!
Se nun s'è tanto svelto da caccè tutt'i soldi
de sedé al Consijo è bèn che te lo scòrdi!-

Nun fusse mè 'na cosa cussì triste e atroce
è mejo de paghè e nunn'èsse messo 'n croce!
Cussì, più che potevo, svelto come 'na lèpre

ho pareggèto i conti cussì nissun lo scopre.


'L FREGO S'È ARTROVÈTO A COMANDÈ PER CHÈSO!

Pò l'èsse che a Peruggia sen fortunèti o no.
Quisto n' t'el pòss' dì perché manch'io 'l zò!
Sò sol' che c'eno 'n gallo giovane a cantè
che per chèso è gito 'n Comuno a comandè!

Quand'èva 'l momento de fè 'l candidèto
nissun ce volse gì e c' honn'anco litichèto.
Tu vol' vede che a la prossima tornèta
ce tòcca de sentì a fè 'n'altr'abbajèta?

Si è 'n bène o 'n mèle l' polen considerè
da quil' c'hònn' fatto e quil' che c' hòn' da fè.
L'unneca ficènda che poleno èsse sicuri 

che s'artrovèmo 'nto 'l mezzo a tempi duri.


Non c'è più pèce 'n casa DEM!

Forse sarà che pòco jè bastèta
la botta che de giugno j'honno dèta.
Mò che adèsso c'è d'angì 'nti posti
c' han voja 'n'altra vòlta d'arfè j'arosti.

'L passèto che l'ardotti a 'n lumicino
nun jè bastèto manco 'n po' 'n ticchino!
S'armagnon come i chèni per rode l'osso
e tutti hònno smania d'occupè quil posto

La lòtta è dura e la fònno a dènti stretti
ma dato 'l chèso che nissun è l'eccezione
cèrt'è che non se stònno a dè i bagetti
'e nun'è un' solo a partecipè a l'azione.

Mò c'è 'l Guasticchi e anco 'l bòn Verzini
che cèrto 'n zònno tra quilli più cinici.
Chissà 'n domani a bercè 'n quanti sarònno
e chi girà a sede' acuccèto nta' lo scranno!

Mò sònno 'n do' che vojon comannè

Ma 'n tre 'nco 'na donna 'n ze potria fè?


'Ndua c'è 'l bordèllo c'è chi sa fa più bèllo!

Mò che 'l PD è quasi rèso a zero
tanti sònn' pronti a faje 'l segretèrio.
Anche tuquì da no', niente je sfugge
son bell'e pronti; nne stònno a la murigge!

Tutti te dicon' de la situazione è grève
e che 'na pèzza tòcca arcucije a brève!
Dichièron' tutti che drento a la sacoccia
hònno la soluzione dritta; ch'è 'na bòccia!

C'è pu chi c' ha 'na fretta e 'n pò je rode
e nun c' ha vòja de st'aspettè le code.
C' ha la capòccia p'èsse 'n condottiero
e pe 'l partito traccè 'l nuovo sentiero!

Vòle guardè, pe' la nòva formazione,
vèrso tà 'l centro, senza dè l'occasione
ta la sinistra de rialzè 'n ticchin la testa
e nun s'acorge che accussì bègia la destra!

Ce sària da 'n formè ta 'l condottiero
che si 'l partito s'altròva poco sèrio
è pe' la mòssa c'ha fatto 'l gran Matteo;
de levè de torno la mancina come 'n babbèo!


La Gionta del Comuno e 'l daspo urbèno!

Ma dimme 'n pò' nipote tu ch'è studièto
e 'ta le facende intellettuèli 'n bèl po' abituèto.
Perché t'a quilli del 'l Comuno je son nute le tigné
e 'l'hònno scontèta co l'raspo de l'uva de le vigné?

No nonno nun ce l'hònno 'ne co 'l raspo o i graspigné.
'N te crederè che la Giònta 'n testa c'ha le pigne?
Se chièma "daspo" e hònno deciso de dovello fà
per dà t'ha Perugia 'n ticchin' de decoro e dignità!

Che tu évi 'n fregnone dà 'n pezzo me sò acorto
ma si parle cussì vòl di' che 'l tu' cervèllo è morto!
Spiegheme 'n po e dimme la politica come pol fà
a difende Perugia e a ardaje la manchèta dignità

si proprio lia è stèta, e è 'n pèzzo che l'arconto,

che jà levèto 'l decoro: e quisto è sol' l'acconto!


Tu vota "no" che "si" ce voto io!

'Nto 'na nota del Conun c'è proprio scritto
che 'l Crocefisso è rnuto 'nto la stanzia.
Ma si 'na volta ha messo 'n croce Cristo
ogge ha spacchèto 'n do' la maggioranza!
Ma fusse solo tisto 'n saria 'n gran mèle.
Anco l'opposizione ha votèto trasversèle.
Tu vol vedé che 'sta volta 'l ballerino 
 ha ficchèto tutti quanti 'nto 'l catino?


Botte tà 'n dirigente del Comuno!

Quanno 'l Sindeco ha saputo la notizia

c'ha penzèto 'npò e jè nuta la stizza.

Ha ditto 'ntra de se: "Che Dio nun faccia
ch'arivassero prim'o pò 'nto la mi faccia"!