SI ERA DICHIARATO “MOVIMENTO DI CITTADINI SENZA TESSERE”!

Che fine ha fatto la lista civica... 

..."IDEE PER PERUGIA"...

...che ha partecipato alla tornata elettorale del 2014 per il rinnovo del Consiglio comunale di Perugia e che doveva, dopo tale compito, diventare un'associazione culturale sulla quale basare e da cui lanciare tutta la politica che avrebbe dovuto essere il mezzo e il modo di determinare, democraticamente tra tutti coloro che avevano partecipato a questo sogno di cambiamento, le scelte sociali e politiche del nostro Comune?

A guardare bene è stata abbandonata nel campo di battaglia come un vecchio residuato bellico, dopo essere stata utile a qualcuno per vincere la sua battaglia. Questo è un dato di fatto! ( https://www.facebook.com/ideeperperugia/?fref=ts )

Chi aveva creduto (qui troviamo i nomi: http://www.perugiatoday.it/politica/elezioni/comunali-perugia-2014/lista-idee-per-perugia-candidati-25-maggio.html) alla possibilità di essere l'anello mancate necessario a portare un nuovo concetto intellettuale nonché concreto, alla gestione degli affari pubblici della nostra città, si è dovuto, purtroppo, ricredere e vedere le proprie speranze infrangersi davanti all'evidenza dei fatti dopo il tanto discusso apparentamento, il quale è servito solamente a smentire la motivazione fondamentale della nascita della lista (esplicitamente dichiarato "movimento di cittadini senza tessere") come strumento di distacco da qualsiasi parte politica, tanto di destra che di sinistra , nonché a determinare un sicuro posto di responsabilità a chi si è adoperato a tale scopo, sfruttando una strategia concordata insieme a chi, credendoci, aveva intrapreso questa battaglia con la speranza di veder realizzati quegli obbiettivi, espressi nel programma elettorale a suo tempo presentato (  http://www.ideeperperugia.it/?page_id=68 ).

Di questo apparentamento ne ho una delle massime responsabilità ma all'epoca l'ho creduto necessario al fine di realizzare gli obbiettivi politici della lista, dove mi sono reso disponibile con il massimo entusiasmo possibile.

Ogni tanto sarebbe bene, se non addirittura necessario, guardare alle azioni ed alla strada che abbiamo intrapreso nel nostro passato perché solo così possiamo determinare la direzione da percorrere per il nostro futuro.

Se non sappiamo ricordare e valutare gli avvenimenti occorsi, rendendoli con questo atteggiamento vani, non abbiamo neppure la certezza e la concretezza di poter realizzare gli obbiettivi giusti che ci diano la possibilità di andare avanti, in modo corretto per l'avvenire.

"Perugia: Social City" è nata proprio per portare a compimento quell'idea che non è riuscita precedentemente e cioè; portare i cittadini all'interno di Palazzo dei Priori in una posizione che ci veda non legati a nessun partito o coalizione, ne di destra ne di sinistra, ponendosi, con ciò, in una posizione ottimale per affrontare i vari problemi potendoli guardare e valutarli con una prospettiva non viziata da visioni di parte; modo di valutazione necessaria perché convinti che i problemi, come le loro soluzioni, non sono appannaggio dei vari gruppi o partiti e quindi non hanno colore politico.

Perugia: Social City non ha difficoltà a riconoscere la verità, attribuirla a chi la esplicita e correre affiancata con chi rende possibile la loro soluzione. Il 2019 ci vedrà schierati in questa posizione quando presenteremo la nostra lista elettorale. Lista elettorale che resterà federe ai propri principi ispiratori e se i cittadini saranno pronti a darci i loro consensi, potranno essere sicuri che non tradiremo le consegne dateci.

Giampiero Tamburi

Coordinatore P:SC)