NOZZE CON I FICHI SECCHI

...dello stato dei nostri quartieri e dei nostri parchi che con questo avviso pubblico per l'affidamento dei chioschi, l'amministrazione ha ammesso implicitamente essere altamente disastrati.

Ed il Comune inventa il lavoro nel verde pubblico, facendo aprire i chioschi di panini e bibite, convinto che questo basti a sanare una situazione di spaccio e tossicodipendenza nonché di degrado che sta distruggendo e "fagocitando" i nostri spazi verdi?

Situazione, per la verità, che si trascina già da moltissimi anni e non solo da questa amministrazione in carica ma che, comunque, non viene affrontata con metodi che possono dare una pur minima garanzia di successo.

Ma ciurlano nel manico o veramente sono ingenui, convinti che un topolino possa abbattere un elefante?

I personaggi politici che ci governano, sono talmente abituati a comportarsi come Pinocchio che finiscono per credere loro stessi a quello che dicono, come se fosse la verità!

Il lavoro che daranno a 7,10 o forse a 15 persone, per i sette parchi in questione, viene pagato molto ma molto caro.

nell'articolo a margine i nostri illuminati amministratori pongono le seguenti condizioni : "...i gestori dovranno assicurare cura, monitoraggio del verde pubblico, pulizia dell'intera area prossima al chiostro (1000 mq minimo) con cadenza giornaliera, compreso lo svuotamento dei cestini; manutenzione e custodia delle attrezzature pubbliche "(!) ed ancora; "animazione articolata su almeno 4 giorni settimanali dalle 17 alle 24"

insomma condizioni capestro che vogliono significare una cosa sola: " Se vi diamo la possibilità di lavorare durante l'estate voi dovete impegnarvi a compiere il lavoro che spetterebbe a noi come servizio alla città". Insomma far fare a gli altri ciò che noi non vogliamo fare; risparmiare a tutti i costi e fare le cosi dette "nozze con i fichi secchi". ALLELUIA!