L’UMBRIA A LA DIFFERENZIATA!

L'Umbria nel riciclo è come...

..."ALÌ BABÀ E I 92 CIALTRONI"!

           (clicca per leggere l'articolo)

C'è poco da fare; il cuore verde d'Italia sta diventando giallo e rischia di marcire!
Insieme alla Valle D'Aosta, la Puglia e la Sicilia, l'Umbria è tra le Regioni con i comuni che effettuano la minor percentuale di raccolta differenziata.
Meravigliarsi? E perché?
Dopo lo scandalo dell'inchiesta antimafia su Gesenu e Tsa sull'illecito del traffico di rifiuti e avvelenamento ambientale, era il minimo che ci poteva capitare!
Invece il problema, su cui porre l'attenzione è domandarsi come mai, e come sia stato possibile che, gli Assessori possessori delle relative deleghe, abbiano potuto portare avanti una politica talmente passiva ed inconcludente che ha permesso di arrivare a questo stato mentre, da una parte, alla collettività ripetevano che tutto andava bene ed aravamo i più bravi del "reame" ( e mi riferisco soprattutto alla Giunta Regionale ed a quella del Comune di Perugia!).
Giampiero Tamburi