L'ITALIA E LE LOBBY

ITALIA, Paese di Santi, poeti, navigatori...

...e, perché no: di lobby potentissime!

Ed ecco dimostrato come in questo paese, distrutto da una crisi che sicuramente in qualche forma ed in qualche sostanza poteva anche essere meno violenta, tutto si fa meno che dare un freno a chi, per i propri interessi di categoria, seguita a mandare a "puttane" una economia che ha portato, fino a questo momento, 4,7 milioni di persone sulla soglia della povertà assoluta e, quello che viene non detto, arricchito smisuratamente qualche altra categoria. Povertà assoluta che, detta così suona come un eufemismo ma, che tradotta significa " A MORIRE DI FAME"!

Ma cosa pensate che avvenga dopo questa decisione delinquenziale?

Provate ad immaginare! Per coprire i costi inutili che soddisfano le brame di potere e di "saccoccia" della lobby medica: i tickets saranno aumentati, per l'ennesima volta, in maniera proporzionale per coprirli, tutti saranno contenti e gli italiani bastonati.

"Carota e bastone". Tecnica ancora efficiente per giustificare certi atteggiamenti che non hanno assolutamente riscontro nella necessaria realtà delle cose. Spazio lasciato a chi pensa a realizzare altri obbiettivi che non sono certo per il benessere sociale!

Sfruttare le debolezze altrui! Ma questa non è una sublola forma di sfruttamento?

Se si vogliono tutelare gli affari dei numerosi laboratori e giustamente, dei lavoratori degli stessi, non è certo questo il modo corretto per farlo!