LA QUESTIONE DELLA GESENU

LA QUESTIONE GESENU...

...si sta evolvendo.

Con l'acquisto del 55% dell'azienda da parte della Socesfin la parte privata si sta organizzando alla gestione.

Pesa sicuramente l'interdittiva che ancora è un incognita su tutta la prospettiva di organizzazione e di lavoro della nuova società proprietaria della quota privata ma comunque, la stessa, ha provveduto a presentare un'istanza al Prefetto, si sospensione.

È chiaro che, chi ha acquistato, vuole portare l'azienda verso nuovi obbiettivi con nuove strategie e nuovi dirigenti, cambiando, di fatto, anche i rapporti con la parte pubblica: nulla di eccezionale.

Comunque, in tutta questa faccenda, che sicuramente avrà soluzioni favorevoli, resta la reale preoccupazione delle maestranze per il proprio posto di lavoro. Aspettano ancora di avere un contatto con il nuovo proprietario su una questione di fondamentale importanza per il futuro sviluppo, primo fra tutti il rischio di non poter partecipare al bando di gara da 20 milioni, con scadenza il 22 agosto, in ragione della interdittiva ancora in atto e stessa ragione, per il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti sanitari pericolosi.

Perugia 7 luglio 2016